Tre cittadini bulgari di religione islamica, Ali Hairaddin, Aniola Dimova e Mustafa Redzhep, sono stati arrestati lo scorso 20 febbraio dagli agenti delle forze speciali della polizia bulgara. I tre sono stati accusati (insieme a una quarta persona, Milena Genkova), di diffondere attraverso internet l’ideologia dello wahhabismo e dello jihadismo, con l’obiettivo di sovvertire l’ordine sociale e costituzionale dello stato bulgaro e di creare un nuovo califfato basato sulla Sharia, la legge islamica. Hairaddin, Redzhep e la Dimova fanno parte dell’Unione dei Musulmani di Bulgaria, una Ong creata nel 2006 e diretta proprio da Ali Hairaddin, 51 anni, laureato in teologia islamica ed ex mufti della moschea di Sofia. Due siti internet, www.islam-bg.net e www.islam.qa.com sono stati al tempo stesso soppressi su indicazione delle forze dell’ordine. Gli accusati sono stati poi rilasciati il 22 febbraio dopo aver pagato una cauzione di 1000 leva (500 euro).

Annunci

Nel mondo del giornalismo multimediale le notizie via sms possono sembrare una roba vecchia, se non superata. Ma ci sono contesti nei quali le notizie da 160 caratteri spazi compresi fanno la differenza tra la libertà di informazione e la repressione. Succede in Zimbabwe, Paese africano che il vecchio presidente Robert Mugabe continua a governare come un feudo mettendo al bando testate e giornalisti. Tra le vittime della repressione c’è anche una radio, i cui giornalisti sono stati espulsi e che continua a trasmettere sulle onde corte e a informare sul suo sito web. Grazie alla tecnologia cinese, tuttavia, Mugabe riesce a rendere difficilmente comprensibili le trasmissioni mentre controlla strettamente gli internet provider del Paese, che sono costretti a fornire ai servizi segreti i log della posta dei cittadini. Gli sms però viaggiano — ancora — liberi. Lo ha raccontato Gerry Jackson, fondatrice di SW Radio Africa, a un recente convegno sulla libertà di stampa tenutosi a Parigi. Siccome il diavolo fa le pentole, ma difficilmente i coperchi, la Jackson racconta che gli intercettatori di segnali radio non lavorano i weekend e che dunque sabato e domenica le trasmissioni di SW Radio Africa possono essere regolarmente ricevute.

E’ il Vietnam “la prossima Cina”?
La Intel Corporation, primo produttore mondiale di microchip per i computer, ha annunciato un piano d’investimento di 1 miliardo di dollari per un nuovo impianto in Vietnam.
Tale piano è in linea con l’opinione comune di banche d’investimento secondo cui aumenterà il flusso di denaro nel Vietnam.
Brian Krzanich, vice presidente della Intel, venerdì scorso ha affermato che l’impianto, completato nel 2009,  occuperà fino a 46.000 metri quadri e darà lavoro fino a 4.000 persone. Tale impianto sarà localizzato in una zona industriale alla periferia di Ho Chi Minh.
L’Intel, il cui quartiere generale è situato in California, avevo annunciato il piano a Febbraio, consistente inizialmente però in un investimento di soli 300 milioni di dollari.
L’annuncio della Intel cade nella stessa settimana in cui la World Trade Organization ha votato per l’accettazione del Vietnam a diventarne membro, e una settimana prima che Hanoi sia stata scelta per ospitare l’Asia Pacific Economic Cooperation Summit.

La Cina ha provato un cannone laser antisatellite contro un satellite spia statunitense, anche se senza provocare danni, perché si trattava solo di un esperimento. Tuttavia il Pentagono è convinto che tra qualche anno Pechino sarà in grado di attaccare i satelliti americani in orbita utilizzando armi antisatellite (Asat) di vario tipo, inclusi laser basati a terra.
La scoperta è stata effettuata dai «controllori» dei satelliti supersegreti statunitensi che siedono nei centri di controllo dell’Nro, il National reconnaissance office. Inizialmente si pensava si trattasse solo di una anomalia di funzionamento temporanea, può capitare, poi si è capito che stranamente la perdita di capacità si verificava quando i satelliti passavano sulla Cina. Analizzando i dati si è scoperto che i cinesi hanno condotto esperimenti sparando raggi laser a bassa potenza in più occasioni e nel corso di alcuni anni. Si è anche riusciti a determinare la posizione del sito dove si trova il cannone.
Un cannone laser non è in grado di distruggere o «friggere» uno di questi enormi satelliti, ma potrebbe degradarne le capacità in modo più o permanente.
Gli Stati Uniti hanno condotto a loro volta programmi di ricerca su armi laser anti-satellite e nel 1997 hanno colpito uno dei loro satelliti a una quota di oltre 400 chilometri per verificare le capacità offensive e la possibilità di sviluppare opportune contromisure.
La Russia dal canto suo aveva realizzato al culmine della guerra fredda armi laser antisatellite ed è possibile che una parte di questa tecnologia sia stata trasferita a Pechino.
A essere esposti sono i satelliti spia ottici della serie «Keyhole» in orbita bassa e forse anche i «Lacrosse» dotati di sensori radar.
Dato che la macchina militare statunitense fa sempre più affidamento sui satelliti da osservazione non solo a fini di intelligence strategica, ma anche per condurre operazioni militari, sono state varate diverse iniziative per assicurare la sopravvivenza dei satelliti spia in caso di attacco. Gli Usa in particolare stanno mettendo a punto sensori satellitari sempre più sofisticati e in grado si sopportare attacchi con raggi di luce concentrati subendo solo un accecamento parziale e temporaneo.
E la guerra per il dominio dello spazio continua.

Fonte: www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=132645

Articolo pubblicato anche in: La Mia Notizia – Citizen Journalism in Italy