E’ il Vietnam “la prossima Cina”?
La Intel Corporation, primo produttore mondiale di microchip per i computer, ha annunciato un piano d’investimento di 1 miliardo di dollari per un nuovo impianto in Vietnam.
Tale piano è in linea con l’opinione comune di banche d’investimento secondo cui aumenterà il flusso di denaro nel Vietnam.
Brian Krzanich, vice presidente della Intel, venerdì scorso ha affermato che l’impianto, completato nel 2009,  occuperà fino a 46.000 metri quadri e darà lavoro fino a 4.000 persone. Tale impianto sarà localizzato in una zona industriale alla periferia di Ho Chi Minh.
L’Intel, il cui quartiere generale è situato in California, avevo annunciato il piano a Febbraio, consistente inizialmente però in un investimento di soli 300 milioni di dollari.
L’annuncio della Intel cade nella stessa settimana in cui la World Trade Organization ha votato per l’accettazione del Vietnam a diventarne membro, e una settimana prima che Hanoi sia stata scelta per ospitare l’Asia Pacific Economic Cooperation Summit.

La rivoluzione di Evo Morales ha sempre più il sapore di una vana promessa. Sono passati dieci mesi dalla sua elezione e la ricetta del presidente boliviano appare sempre più come un bluff. L’idea di costruire un miracolo economico sulle foglie di coca era già balzana all’origine, ora non serve neppure a mascherare i tanti problemi di un Paese in panne.
La Bolivia è paralizzata dai conflitti sociali, gli scontri tra salariati e cooperative diventano sempre più duri e violenti, segno che il governo sta perdendo il controllo. Due giorni fa un gruppo di minatori boliviani di una cooperativa privata di Huanuni, 300 km a sud di La Paz, ha ucciso un agente di polizia imbottendolo di dinamite e facendolo esplodere. L’agente faceva parte di un contingente di forze dell’ordine giunte nel fine settimana a Caihuasi, dove i minatori in sciopero avevano bloccato le vie di comunicazione. Ieri, prima dell’alba, un furgoncino ha investito degli indigeni che marciavano da Villa Sajta si dirigeva a Ibergarzama (Bolivia orientale) causando la morte di due manifestanti e il ferimento di altri dieci.
Settemila carcerati non mangiano da settimane, uno sciopero della fame estremo per protestare contro le condizioni di vita in cella. Perfino molti contadini dell’altopiano, che vorrebbero coltivare più coca, ce l’hanno con lui. I sindacalisti stanno perdendo la pazienza e gli imprenditori non si sentono tutelati abbastanza. Eppure, il giorno della sua trionfale investitura Evo Morales aveva proclamato: «Il mio sarà un governo di uguaglianza, giustizia sociale, equità e pace, che metterà fine al neoliberalismo sfruttatore». Poi, rivolgendosi al suo popolo, prometteva: «Finirà l’odio e il disprezzo a cui, come indios, siamo sempre stati sottoposti». L’era degli indios era arrivata. Mentre il mondo si interrogava su quel capo indiano della tribù degli Amymara che mastica foglie di coca e che si ostina a indossare la chompa, il maglione di alpaca a righe, la Bolivia aspettava il suo miracolo. Quel 54% di voti che gli aveva garantito la vittoria assoluta era soprattutto il frutto di una campagna politica incentrata sui diritti e gli interessi del popolo, troppo a lungo dimenticati. Un’investitura dal basso, basata sulla fiducia, come un patto di sangue, da fratello a fratello, in cui proprio quella fiducia non può essere tradita. A pochi giorni dalla sua elezione, Jaime Solares, il presidente nazionale della «Central Obrera Boliviana» che da anni lotta per riconquistare la proprietà del gas e petrolio, minacciava: «Gli diamo massimo tre mesi per attuare le riforme che ci ha promesso: la nazionalizzazione degli idrocarburi, la creazione dell’assemblea costituente dei popoli indigeni per riformare un nuovo Parlamento e il giudizio per genocidio all’ex presidente, che nel 2003 ha fatto uccidere 81 persone». Per il momento Evo Morales è riuscito a spuntarla con le aziende straniere: trasferire il controllo degli idrocarburi alla compagnia nazionale Ypbf. Ieri, proprio allo scadere dell’ultimatum, le otto maggiori aziende energetiche multinazionali, come il gruppo brasiliano Petrobras, la spagnola Repsol, la franco-belga Total e la statunitense Vintage, hanno firmato l’accordo. Ma il bello sembra venire ora: tutti si domandano se il governo sarà in grado di amministrare un patrimonio di 1.550 miliardi di metri cubi di riserve di gas naturale. Ypbf si incaricherà della commercializzazione del gas, definendo volumi e prezzi del prodotto da immettere nel mercato interno e da destinare all’esportazione.

Fonte: www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=133891

Articolo pubblicato anche in: La Mia Notizia – Citizen Journalism in Italy

Cartina SudanLa decisione della Cina di invitare il presidente del Sudan, Omar Hassan al Bashir, al summit con i paesi africani ha provocato le critiche da parte dei sostenitori internazionali dei diritti umani e da parte di uno dei maggiori siti africani di news, ossia  Afrique Centrale.
I critici accusano Pechino di passare sopra allo scarso rispetto dei diritti umani di alcuni governi africani nella sua ricerca d’approvigionamento di petrolio, di altre materie prime e di mercati per i prodotti cinesi
Stesso trattamento ha ricevuto l’invito di Pechino al leader dello Zimbabwe, Robert Mugabe, il cui governo è accusato di massicce violazioni dei diritti umani.
Il governo sudanese è accusato di dare supporto alle milizie che hanno ucciso decine di migliaia di persone, distrutto villaggi, e commesso innumerevoli stupri nel Darfur, nel sud del Paese.
Bashir, il dittatore sudanese, non solo ha negato ogni addebito, ma anche manipolato i dati dei morti del conflitto nel Darfur, affermando che i morti sarebbero stati solo 10.000, mentre i dati ufficiali parlano di 200.000. Sempre Bashir ha riaffermato il suo no al permettere l’accesso di truppe ONU nel Darfur. Questo perchè a suo avviso le truppe ONU creerebbero solo la medesima situazione d’instabilità presente in Irak.
La Cina dal canto suo dice che appoggerà un’eventuale risoluzione ONU sull’invio di truppe solo se il Sudan sarà daccordo. Nello stesso tempo sempre la Cina, per evitare le critiche intrnazionali dovute a questi contatti diplomatici con Bashir, lo sta spingendo a cercare una soluzione diplomatica della crisi del Darfur.
Liu Jianchao, portavoce del ministero degli esteri cinese, ha spiegato il perchè Pechino giustifica gli inviti a Bashir e Mugabe per partecipare al summit. Liu ha affermato che Pechino non prova alcuna vergogna di ciò, i quanto gli sforzi cinesi sono mirati al portare pace, sviluppo e prosperità in Africa.
La Cina per tradizione tende ad una politica di non interferenza negli affari delle altre nazioni, una posizione che Human Rights Watch, uno dei maggiori gruppi sostenitori dei diritti umani, ha paragonato al rimanere del tutto indifferenti ai genocidi mentre questi accadono.

Articolo pubblicato anche in La Mia Notizia – Citizen Journalism in Italy